Free bilingual books

Manifest der Kommunistischen Partei
Karl Marx
(1848)

Downloading books is available only for authorized users


Downloading books is available only for authorized users


Downloading books is available only for authorized users

The Communist Manifesto Il Manifesto del Partito Comunista
I. BOURGEOIS AND PROLETARIANSI. Borghesi e Proletari
The history of all hitherto existing societies is the history of class
struggles.

Freeman and slave, patrician and plebeian, lord and serf, guild-master
and journeyman, in a word, oppressor and oppressed, stood in constant
opposition to one another, carried on an uninterrupted, now hidden, now
open fight, a fight that each time ended, either in a revolutionary
re-constitution of society at large, or in the common ruin of the
contending classes.

In the earlier epochs of history, we find almost everywhere a
complicated arrangement of society into various orders, a manifold
gradation of social rank. In ancient Rome we have patricians, knights,
plebeians, slaves; in the Middle Ages, feudal lords, vassals,
guild-masters, journeymen, apprentices, serfs; in almost all of these
classes, again, subordinate gradations.

The modern bourgeois society that has sprouted from the ruins of feudal
society has not done away with class antagonisms. It has but
established new classes, new conditions of oppression, new forms of
struggle in place of the old ones. Our epoch, the epoch of the
bourgeoisie, possesses, however, this distinctive feature: it has
simplified the class antagonisms. Society as a whole is more and more
splitting up into two great hostile camps, into two great classes,
directly facing each other: Bourgeoisie and Proletariat.

From the serfs of the Middle Ages sprang the chartered burghers of the
earliest towns. From these burgesses the first elements of the
bourgeoisie were developed.

The discovery of America, the rounding of the Cape, opened up fresh
ground for the rising bourgeoisie. The East-Indian and Chinese markets,
the colonisation of America, trade with the colonies, the increase in
the means of exchange and in commodities generally, gave to commerce,
to navigation, to industry, an impulse never before known, and thereby,
to the revolutionary element in the tottering feudal society, a rapid
development.

The feudal system of industry, under which industrial production was
monopolised by closed guilds, now no longer sufficed for the growing
wants of the new markets. The manufacturing system took its place. The
guild-masters were pushed on one side by the manufacturing middle
class; division of labour between the different corporate guilds
vanished in the face of division of labour in each single workshop.

Meantime the markets kept ever growing, the demand ever rising. Even
manufacture no longer sufficed. Thereupon, steam and machinery
revolutionised industrial production. The place of manufacture was
taken by the giant, Modern Industry, the place of the industrial middle
class, by industrial millionaires, the leaders of whole industrial
armies, the modern bourgeois.

Modern industry has established the world-market, for which the
discovery of America paved the way. This market has given an immense
development to commerce, to navigation, to communication by land. This
development has, in its time, reacted on the extension of industry; and
in proportion as industry, commerce, navigation, railways extended, in
the same proportion the bourgeoisie developed, increased its capital,
and pushed into the background every class handed down from the Middle
Ages.

We see, therefore, how the modern bourgeoisie is itself the product of
a long course of development, of a series of revolutions in the modes
of production and of exchange.

Each step in the development of the bourgeoisie was accompanied by a
corresponding political advance of that class. An oppressed class under
the sway of the feudal nobility, an armed and self-governing
association in the mediaeval commune; here independent urban republic
(as in Italy and Germany), there taxable “third estate” of the monarchy
(as in France), afterwards, in the period of manufacture proper,
serving either the semi-feudal or the absolute monarchy as a
counterpoise against the nobility, and, in fact, corner-stone of the
great monarchies in general, the bourgeoisie has at last, since the
establishment of Modern Industry and of the world-market, conquered for
itself, in the modern representative State, exclusive political sway.
The executive of the modern State is but a committee for managing the
common affairs of the whole bourgeoisie.

The bourgeoisie, historically, has played a most revolutionary part.

The bourgeoisie, wherever it has got the upper hand, has put an end to
all feudal, patriarchal, idyllic relations. It has pitilessly torn
asunder the motley feudal ties that bound man to his “natural
superiors,” and has left remaining no other nexus between man and man
than naked self-interest, than callous “cash payment.” It has drowned
the most heavenly ecstasies of religious fervour, of chivalrous
enthusiasm, of philistine sentimentalism, in the icy water of
egotistical calculation. It has resolved personal worth into exchange
value, and in place of the numberless and indefeasible chartered
freedoms, has set up that single, unconscionable freedom—Free Trade. In
one word, for exploitation, veiled by religious and political
illusions, naked, shameless, direct, brutal exploitation.

The bourgeoisie has stripped of its halo every occupation hitherto
honoured and looked up to with reverent awe. It has converted the
physician, the lawyer, the priest, the poet, the man of science, into
its paid wage labourers.

The bourgeoisie has torn away from the family its sentimental veil, and
has reduced the family relation to a mere money relation.

The bourgeoisie has disclosed how it came to pass that the brutal
display of vigour in the Middle Ages, which Reactionists so much
admire, found its fitting complement in the most slothful indolence. It
has been the first to show what man’s activity can bring about. It has
accomplished wonders far surpassing Egyptian pyramids, Roman aqueducts,
and Gothic cathedrals; it has conducted expeditions that put in the
shade all former Exoduses of nations and crusades.

The bourgeoisie cannot exist without constantly revolutionising the
instruments of production, and thereby the relations of production, and
with them the whole relations of society. Conservation of the old modes
of production in unaltered form, was, on the contrary, the first
condition of existence for all earlier industrial classes. Constant
revolutionising of production, uninterrupted disturbance of all social
conditions, everlasting uncertainty and agitation distinguish the
bourgeois epoch from all earlier ones. All fixed, fast-frozen
relations, with their train of ancient and venerable prejudices and
opinions, are swept away, all new-formed ones become antiquated before
they can ossify. All that is solid melts into air, all that is holy is
profaned, and man is at last compelled to face with sober senses, his
real conditions of life, and his relations with his kind.

The need of a constantly expanding market for its products chases the
bourgeoisie over the whole surface of the globe. It must nestle
everywhere, settle everywhere, establish connexions everywhere.

The bourgeoisie has through its exploitation of the world-market given
a cosmopolitan character to production and consumption in every
country. To the great chagrin of Reactionists, it has drawn from under
the feet of industry the national ground on which it stood. All
old-established national industries have been destroyed or are daily
being destroyed. They are dislodged by new industries, whose
introduction becomes a life and death question for all civilised
nations, by industries that no longer work up indigenous raw material,
but raw material drawn from the remotest zones; industries whose
products are consumed, not only at home, but in every quarter of the
globe. In place of the old wants, satisfied by the productions of the
country, we find new wants, requiring for their satisfaction the
products of distant lands and climes. In place of the old local and
national seclusion and self-sufficiency, we have intercourse in every
direction, universal inter-dependence of nations. And as in material,
so also in intellectual production. The intellectual creations of
individual nations become common property. National one-sidedness and
narrow-mindedness become more and more impossible, and from the
numerous national and local literatures, there arises a world
literature.

The bourgeoisie, by the rapid improvement of all instruments of
production, by the immensely facilitated means of communication, draws
all, even the most barbarian, nations into civilisation. The cheap
prices of its commodities are the heavy artillery with which it batters
down all Chinese walls, with which it forces the barbarians’ intensely
obstinate hatred of foreigners to capitulate. It compels all nations,
on pain of extinction, to adopt the bourgeois mode of production; it
compels them to introduce what it calls civilisation into their midst,
_i.e_., to become bourgeois themselves. In one word, it creates a world
after its own image.

The bourgeoisie has subjected the country to the rule of the towns. It
has created enormous cities, has greatly increased the urban population
as compared with the rural, and has thus rescued a considerable part of
the population from the idiocy of rural life. Just as it has made the
country dependent on the towns, so it has made barbarian and
semi-barbarian countries dependent on the civilised ones, nations of
peasants on nations of bourgeois, the East on the West.

The bourgeoisie keeps more and more doing away with the scattered state
of the population, of the means of production, and of property. It has
agglomerated production, and has concentrated property in a few hands.
The necessary consequence of this was political centralisation.
Independent, or but loosely connected provinces, with separate
interests, laws, governments and systems of taxation, became lumped
together into one nation, with one government, one code of laws, one
national class-interest, one frontier and one customs-tariff. The
bourgeoisie, during its rule of scarce one hundred years, has created
more massive and more colossal productive forces than have all
preceding generations together. Subjection of Nature’s forces to man,
machinery, application of chemistry to industry and agriculture,
steam-navigation, railways, electric telegraphs, clearing of whole
continents for cultivation, canalisation of rivers, whole populations
conjured out of the ground—what earlier century had even a presentiment
that such productive forces slumbered in the lap of social labour?

We see then: the means of production and of exchange, on whose
foundation the bourgeoisie built itself up, were generated in feudal
society. At a certain stage in the development of these means of
production and of exchange, the conditions under which feudal society
produced and exchanged, the feudal organisation of agriculture and
manufacturing industry, in one word, the feudal relations of property
became no longer compatible with the already developed productive
forces; they became so many fetters. They had to be burst asunder; they
were burst asunder.

Into their place stepped free competition, accompanied by a social and
political constitution adapted to it, and by the economical and
political sway of the bourgeois class.

A similar movement is going on before our own eyes. Modern bourgeois
society with its relations of production, of exchange and of property,
a society that has conjured up such gigantic means of production and of
exchange, is like the sorcerer, who is no longer able to control the
powers of the nether world whom he has called up by his spells. For
many a decade past the history of industry and commerce is but the
history of the revolt of modern productive forces against modern
conditions of production, against the property relations that are the
conditions for the existence of the bourgeoisie and of its rule. It is
enough to mention the commercial crises that by their periodical return
put on its trial, each time more threateningly, the existence of the
entire bourgeois society. In these crises a great part not only of the
existing products, but also of the previously created productive
forces, are periodically destroyed. In these crises there breaks out an
epidemic that, in all earlier epochs, would have seemed an
absurdity—the epidemic of over-production. Society suddenly finds
itself put back into a state of momentary barbarism; it appears as if a
famine, a universal war of devastation had cut off the supply of every
means of subsistence; industry and commerce seem to be destroyed; and
why? Because there is too much civilisation, too much means of
subsistence, too much industry, too much commerce. The productive
forces at the disposal of society no longer tend to further the
development of the conditions of bourgeois property; on the contrary,
they have become too powerful for these conditions, by which they are
fettered, and so soon as they overcome these fetters, they bring
disorder into the whole of bourgeois society, endanger the existence of
bourgeois property. The conditions of bourgeois society are too narrow
to comprise the wealth created by them. And how does the bourgeoisie
get over these crises? On the one hand inforced destruction of a mass
of productive forces; on the other, by the conquest of new markets, and
by the more thorough exploitation of the old ones. That is to say, by
paving the way for more extensive and more destructive crises, and by
diminishing the means whereby crises are prevented.

The weapons with which the bourgeoisie felled feudalism to the ground
are now turned against the bourgeoisie itself.

But not only has the bourgeoisie forged the weapons that bring death to
itself; it has also called into existence the men who are to wield
those weapons—the modern working class—the proletarians.

In proportion as the bourgeoisie, _i.e_., capital, is developed, in the
same proportion is the proletariat, the modern working class,
developed—a class of labourers, who live only so long as they find
work, and who find work only so long as their labour increases capital.
These labourers, who must sell themselves piece-meal, are a commodity,
like every other article of commerce, and are consequently exposed to
all the vicissitudes of competition, to all the fluctuations of the
market.

Owing to the extensive use of machinery and to division of labour, the
work of the proletarians has lost all individual character, and
consequently, all charm for the workman. He becomes an appendage of the
machine, and it is only the most simple, most monotonous, and most
easily acquired knack, that is required of him. Hence, the cost of
production of a workman is restricted, almost entirely, to the means of
subsistence that he requires for his maintenance, and for the
propagation of his race. But the price of a commodity, and therefore
also of labour, is equal to its cost of production. In proportion
therefore, as the repulsiveness of the work increases, the wage
decreases. Nay more, in proportion as the use of machinery and division
of labour increases, in the same proportion the burden of toil also
increases, whether by prolongation of the working hours, by increase of
the work exacted in a given time or by increased speed of the
machinery, etc.

Modern industry has converted the little workshop of the patriarchal
master into the great factory of the industrial capitalist. Masses of
labourers, crowded into the factory, are organised like soldiers. As
privates of the industrial army they are placed under the command of a
perfect hierarchy of officers and sergeants. Not only are they slaves
of the bourgeois class, and of the bourgeois State; they are daily and
hourly enslaved by the machine, by the over-looker, and, above all, by
the individual bourgeois manufacturer himself. The more openly this
despotism proclaims gain to be its end and aim, the more petty, the
more hateful and the more embittering it is.

The less the skill and exertion of strength implied in manual labour,
in other words, the more modern industry becomes developed, the more is
the labour of men superseded by that of women. Differences of age and
sex have no longer any distinctive social validity for the working
class. All are instruments of labour, more or less expensive to use,
according to their age and sex.

No sooner is the exploitation of the labourer by the manufacturer, so
far at an end, that he receives his wages in cash, than he is set upon
by the other portions of the bourgeoisie, the landlord, the shopkeeper,
the pawnbroker, etc.

The lower strata of the middle class—the small tradespeople,
shopkeepers, retired tradesmen generally, the handicraftsmen and
peasants—all these sink gradually into the proletariat, partly because
their diminutive capital does not suffice for the scale on which Modern
Industry is carried on, and is swamped in the competition with the
large capitalists, partly because their specialized skill is rendered
worthless by the new methods of production. Thus the proletariat is
recruited from all classes of the population.

The proletariat goes through various stages of development. With its
birth begins its struggle with the bourgeoisie. At first the contest is
carried on by individual labourers, then by the workpeople of a
factory, then by the operatives of one trade, in one locality, against
the individual bourgeois who directly exploits them. They direct their
attacks not against the bourgeois conditions of production, but against
the instruments of production themselves; they destroy imported wares
that compete with their labour, they smash to pieces machinery, they
set factories ablaze, they seek to restore by force the vanished status
of the workman of the Middle Ages.

At this stage the labourers still form an incoherent mass scattered
over the whole country, and broken up by their mutual competition. If
anywhere they unite to form more compact bodies, this is not yet the
consequence of their own active union, but of the union of the
bourgeoisie, which class, in order to attain its own political ends, is
compelled to set the whole proletariat in motion, and is moreover yet,
for a time, able to do so. At this stage, therefore, the proletarians
do not fight their enemies, but the enemies of their enemies, the
remnants of absolute monarchy, the landowners, the non-industrial
bourgeois, the petty bourgeoisie. Thus the whole historical movement is
concentrated in the hands of the bourgeoisie; every victory so obtained
is a victory for the bourgeoisie.

But with the development of industry the proletariat not only increases
in number; it becomes concentrated in greater masses, its strength
grows, and it feels that strength more. The various interests and
conditions of life within the ranks of the proletariat are more and
more equalised, in proportion as machinery obliterates all distinctions
of labour, and nearly everywhere reduces wages to the same low level.
The growing competition among the bourgeois, and the resulting
commercial crises, make the wages of the workers ever more fluctuating.
The unceasing improvement of machinery, ever more rapidly developing,
makes their livelihood more and more precarious; the collisions between
individual workmen and individual bourgeois take more and more the
character of collisions between two classes. Thereupon the workers
begin to form combinations (Trades Unions) against the bourgeois; they
club together in order to keep up the rate of wages; they found
permanent associations in order to make provision beforehand for these
occasional revolts. Here and there the contest breaks out into riots.

Now and then the workers are victorious, but only for a time. The real
fruit of their battles lies, not in the immediate result, but in the
ever-expanding union of the workers. This union is helped on by the
improved means of communication that are created by modern industry and
that place the workers of different localities in contact with one
another. It was just this contact that was needed to centralise the
numerous local struggles, all of the same character, into one national
struggle between classes. But every class struggle is a political
struggle. And that union, to attain which the burghers of the Middle
Ages, with their miserable highways, required centuries, the modern
proletarians, thanks to railways, achieve in a few years.

This organisation of the proletarians into a class, and consequently
into a political party, is continually being upset again by the
competition between the workers themselves. But it ever rises up again,
stronger, firmer, mightier. It compels legislative recognition of
particular interests of the workers, by taking advantage of the
divisions among the bourgeoisie itself. Thus the ten-hours’ bill in
England was carried.

Altogether collisions between the classes of the old society further,
in many ways, the course of development of the proletariat. The
bourgeoisie finds itself involved in a constant battle. At first with
the aristocracy; later on, with those portions of the bourgeoisie
itself, whose interests have become antagonistic to the progress of
industry; at all times, with the bourgeoisie of foreign countries. In
all these battles it sees itself compelled to appeal to the
proletariat, to ask for its help, and thus, to drag it into the
political arena. The bourgeoisie itself, therefore, supplies the
proletariat with its own instruments of political and general
education, in other words, it furnishes the proletariat with weapons
for fighting the bourgeoisie.

Further, as we have already seen, entire sections of the ruling classes
are, by the advance of industry, precipitated into the proletariat, or
are at least threatened in their conditions of existence. These also
supply the proletariat with fresh elements of enlightenment and
progress.

Finally, in times when the class struggle nears the decisive hour, the
process of dissolution going on within the ruling class, in fact within
the whole range of society, assumes such a violent, glaring character,
that a small section of the ruling class cuts itself adrift, and joins
the revolutionary class, the class that holds the future in its hands.
Just as, therefore, at an earlier period, a section of the nobility
went over to the bourgeoisie, so now a portion of the bourgeoisie goes
over to the proletariat, and in particular, a portion of the bourgeois
ideologists, who have raised themselves to the level of comprehending
theoretically the historical movement as a whole.

Of all the classes that stand face to face with the bourgeoisie today,
the proletariat alone is a really revolutionary class. The other
classes decay and finally disappear in the face of Modern Industry; the
proletariat is its special and essential product. The lower middle
class, the small manufacturer, the shopkeeper, the artisan, the
peasant, all these fight against the bourgeoisie, to save from
extinction their existence as fractions of the middle class. They are
therefore not revolutionary, but conservative. Nay more, they are
reactionary, for they try to roll back the wheel of history. If by
chance they are revolutionary, they are so only in view of their
impending transfer into the proletariat, they thus defend not their
present, but their future interests, they desert their own standpoint
to place themselves at that of the proletariat.

The “dangerous class,” the social scum, that passively rotting mass
thrown off by the lowest layers of old society, may, here and there, be
swept into the movement by a proletarian revolution; its conditions of
life, however, prepare it far more for the part of a bribed tool of
reactionary intrigue.

In the conditions of the proletariat, those of old society at large are
already virtually swamped. The proletarian is without property; his
relation to his wife and children has no longer anything in common with
the bourgeois family-relations; modern industrial labour, modern
subjection to capital, the same in England as in France, in America as
in Germany, has stripped him of every trace of national character. Law,
morality, religion, are to him so many bourgeois prejudices, behind
which lurk in ambush just as many bourgeois interests.

All the preceding classes that got the upper hand, sought to fortify
their already acquired status by subjecting society at large to their
conditions of appropriation. The proletarians cannot become masters of
the productive forces of society, except by abolishing their own
previous mode of appropriation, and thereby also every other previous
mode of appropriation. They have nothing of their own to secure and to
fortify; their mission is to destroy all previous securities for, and
insurances of, individual property.

All previous historical movements were movements of minorities, or in
the interests of minorities. The proletarian movement is the
self-conscious, independent movement of the immense majority, in the
interests of the immense majority. The proletariat, the lowest stratum
of our present society, cannot stir, cannot raise itself up, without
the whole superincumbent strata of official society being sprung into
the air.

Though not in substance, yet in form, the struggle of the proletariat
with the bourgeoisie is at first a national struggle. The proletariat
of each country must, of course, first of all settle matters with its
own bourgeoisie.

In depicting the most general phases of the development of the
proletariat, we traced the more or less veiled civil war, raging within
existing society, up to the point where that war breaks out into open
revolution, and where the violent overthrow of the bourgeoisie lays the
foundation for the sway of the proletariat.

Hitherto, every form of society has been based, as we have already
seen, on the antagonism of oppressing and oppressed classes. But in
order to oppress a class, certain conditions must be assured to it
under which it can, at least, continue its slavish existence. The serf,
in the period of serfdom, raised himself to membership in the commune,
just as the petty bourgeois, under the yoke of feudal absolutism,
managed to develop into a bourgeois. The modern laborer, on the
contrary, instead of rising with the progress of industry, sinks deeper
and deeper below the conditions of existence of his own class. He
becomes a pauper, and pauperism develops more rapidly than population
and wealth. And here it becomes evident, that the bourgeoisie is unfit
any longer to be the ruling class in society, and to impose its
conditions of existence upon society as an over-riding law. It is unfit
to rule because it is incompetent to assure an existence to its slave
within his slavery, because it cannot help letting him sink into such a
state, that it has to feed him, instead of being fed by him. Society
can no longer live under this bourgeoisie, in other words, its
existence is no longer compatible with society.

The essential condition for the existence, and for the sway of the
bourgeois class, is the formation and augmentation of capital; the
condition for capital is wage-labour. Wage-labour rests exclusively on
competition between the laborers. The advance of industry, whose
involuntary promoter is the bourgeoisie, replaces the isolation of the
labourers, due to competition, by their revolutionary combination, due
to association. The development of Modern Industry, therefore, cuts
from under its feet the very foundation on which the bourgeoisie
produces and appropriates products. What the bourgeoisie, therefore,
produces, above all, is its own grave-diggers. Its fall and the victory
of the proletariat are equally inevitable.


La storia di ogni società esistita fino a questo momento, è storia di lotte di classi.

Liberi e schiavi, patrizi e plebei, baroni e servi della gleba, membri delle corporazioni e garzoni, in breve, oppressori e oppressi, furono continuamente in reciproco contrasto, e condussero una lotta ininterrotta, ora latente ora aperta; lotta che ogni volta è finita o con una trasformazione rivoluzionaria di tutta la società o con la comune rovina delle classi in lotta.

Nelle epoche passate della storia troviamo quasi dappertutto una completa articolazione della società in differenti ordini, una molteplice graduazione delle posizioni sociali. In Roma antica abbiamo patrizi, cavalieri, plebei, schiavi; nel medioevo signori feudali, vassalli, membri delle corporazioni, garzoni, servi della gleba, e, per di più, anche particolari graduazioni in quasi ognuna di queste classi.

La società civile moderna, sorta dal tramonto della società feudale, non ha eliminato gli antagonismi fra le classi. Essa ha soltanto sostituito alle antiche, nuove classi, nuove condizioni di oppressione, nuove forme di lotta.

La nostra epoca, l'epoca della borghesia, si distingue però dalle altre per aver semplificato gli antagonismi di classe. L'intera società si va scindendo sempre più in due grandi campi nemici, in due grandi classi direttamente contrapposte l'una all'altra: borghesia e proletariato.

Dai servi della gleba del medioevo sorse il popolo minuto delle prime città; da questo popolo minuto si svilupparono i primi elementi della borghesia.

La scoperta dell'America, la circumnavigazione dell'Africa crearono alla sorgente borghesia un nuovo terreno. Il mercato delle Indie orientali e della Cina, la colonizzazione dell'America, gli scambi con le colonie, l'aumento dei mezzi di scambio e delle merci in genere diedero al commercio, alla navigazione, all'industria uno slancio fino allora mai conosciuto, e con ciò impressero un rapido sviluppo all'elemento rivoluzionario entro la società feudale in disgregazione.

L'esercizio dell'industria, feudale o corporativo, in uso fino allora non bastava più al fabbisogno che aumentava con i nuovi mercati. Al suo posto subentrò la manifattura. Il medio ceto industriale soppiantò i maestri artigiani; la divisione del lavoro fra le diverse corporazioni scomparve davanti alla divisione del lavoro nella singola officina stessa.

Ma i mercati crescevano sempre, il fabbisogno saliva sempre. Neppure la manifattura era più sufficiente. Allora il vapore e le macchine rivoluzionarono la produzione industriale. All'industria manifatturiera subentrò la grande industria moderna; al ceto medio industriale subentrarono i milionari dell'industria, i capi di interi eserciti industriali, i borghesi moderni.

La grande industria ha creato quel mercato mondiale, ch'era stato preparato dalla scoperta dell'America. Il mercato mondiale ha dato uno sviluppo immenso al commercio, alla navigazione, alle comunicazioni per via di terra. Questo sviluppo ha reagito a sua volta sull'espansione dell'industria, e nella stessa misura in cui si estendevano industria, commercio, navigazione, ferrovie, si è sviluppata la borghesia, ha accresciuto i suoi capitali e ha respinto nel retroscena tutte le classi tramandate dal medioevo.

Vediamo dunque come la borghesia moderna è essa stessa il prodotto d'un lungo processo di sviluppo, d'una serie di rivolgimenti nei modi di produzione e di traffico.

Ognuno di questi stadi di sviluppo della borghesia era accompagnato da un corrispondente progresso politico. Ceto oppresso sotto il dominio dei signori feudali, insieme di associazioni armate ed autonome nel Comune, talvolta sotto la forma di repubblica municipale indipendente, talvolta di terzo stato tributario della monarchia, poi all'epoca dell'industria manifatturiera, nella monarchia controllata dagli stati come in quella assoluta, contrappeso alla nobiltà, e fondamento principale delle grandi monarchie in genere, la borghesia, infine, dopo la creazione della grande industria e del mercato mondiale, si è conquistata il dominio politico esclusivo dello Stato rappresentativo moderno. Il potere statale moderno non è che un comitato che amministra gli affari comuni di tutta la classe borghese.

La borghesia ha avuto nella storia una parte sommamente rivoluzionaria.

Dove ha raggiunto il dominio, la borghesia ha distrutto tutte le condizioni di vita feudali, patriarcali, idilliche. Ha lacerato spietatamente tutti i variopinti vincoli feudali che legavano l'uomo al suo superiore naturale, e non ha lasciato fra uomo e uomo altro vincolo che il nudo interesse, il freddo "pagamento in contanti". Ha affogato nell'acqua gelida del calcolo egoistico i sacri brividi dell'esaltazione devota, dell'entusiasmo cavalleresco, della malinconia filistea. Ha disciolto la dignità personale nel valore di scambio e al posto delle innumerevoli libertà patentate e onestamente conquistate, ha messo, unica, la libertà di commercio priva di scrupoli. In una parola: ha messo lo sfruttamento aperto, spudorato, diretto e arido al posto dello sfruttamento mascherato d'illusioni religiose e politiche.

La borghesia ha spogliato della loro aureola tutte le attività che fino allora erano venerate e considerate con pio timore. Ha tramutato il medico, il giurista, il prete, il poeta, l'uomo della scienza, in salariati ai suoi stipendi.

La borghesia ha strappato il commovente velo sentimentale al rapporto familiare e lo ha ricondotto a un puro rapporto di denaro.

La borghesia ha svelato come la brutale manifestazione di forza che la reazione ammira tanto nel medioevo, avesse la sua appropriata integrazione nella più pigra infingardaggine. Solo la borghesia ha dimostrato che cosa possa compiere l'attività dell'uomo. Essa ha compiuto ben altre meraviglie che le piramidi egiziane, acquedotti romani e cattedrali gotiche, ha portato a termine ben altre spedizioni che le migrazioni dei popoli e le crociate.

La borghesia non può esistere senza rivoluzionare continuamente gli strumenti di produzione, i rapporti di produzione, dunque tutti i rapporti sociali. Prima condizione di esistenza di tutte le classi industriali precedenti era invece l'immutato mantenimento del vecchio sistema di produzione. Il continuo rivoluzionamento della produzione, l'ininterrotto scuotimento di tutte le situazioni sociali, l'incertezza e il movimento eterni contraddistinguono l'epoca dei borghesi fra tutte le epoche precedenti. Si dissolvono tutti i rapporti stabili e irrigiditi, con il loro seguito di idee e di concetti antichi e venerandi, e tutte le idee e i concetti nuovi invecchiano prima di potersi fissare. Si volatilizza tutto ciò che vi era di corporativo e di stabile, è profanata ogni cosa sacra, e gli uomini sono finalmente costretti a guardare con occhio disincantato la propria posizione e i propri reciproci rapporti.

Il bisogno di uno smercio sempre più esteso per i suoi prodotti sospinge la borghesia a percorrere tutto il globo terrestre. Dappertutto deve annidarsi, dappertutto deve costruire le sue basi, dappertutto deve creare relazioni.

Con lo sfruttamento del mercato mondiale la borghesia ha dato un'impronta cosmopolitica alla produzione e al consumo di tutti i paesi. Ha tolto di sotto i piedi dell'industria il suo terreno nazionale, con gran rammarico dei reazionari. Le antichissime industrie nazionali sono state distrutte, e ancora adesso vengono distrutte ogni giorno. Vengono soppiantate da industrie nuove, la cui introduzione diventa questione di vita o di morte per tutte le nazioni civili, da industrie che non lavorano più soltanto le materie prime del luogo, ma delle zone più remote, e i cui prodotti non vengono consumati solo dal paese stesso, ma anche in tutte le parti del mondo. Ai vecchi bisogni, soddisfatti con i prodotti del paese, subentrano bisogni nuovi, che per essere soddisfatti esigono i prodotti dei paesi e dei climi più lontani. All'antica autosufficienza e all'antico isolamento locali e nazionali subentra uno scambio universale, una interdipendenza universale fra le nazioni. E come per la produzione materiale, così per quella intellettuale. I prodotti intellettuali delle singole nazioni divengono bene comune. L'unilateralità e la ristrettezza nazionali divengono sempre più impossibili, e dalle molte letterature nazionali e locali si forma una letteratura mondiale.

Con il rapido miglioramento di tutti gli strumenti di produzione, con le comunicazioni infinitamente agevolate, la borghesia trascina nella civiltà tutte le nazioni, anche le più barbare. I bassi prezzi delle sue merci sono l'artiglieria pesante con la quale spiana tutte le muraglie cinesi, con la quale costringe alla capitolazione la più tenace xenofobia dei barbari. Costringe tutte le nazioni ad adottare il sistema di produzione della borghesia, se non vogliono andare in rovina, le costringe ad introdurre in casa loro la cosiddetta civiltà, cioè a diventare borghesi. In una parola: essa si crea un mondo a propria immagine e somiglianza.

La borghesia ha assoggettato la campagna al dominio della città. Ha creato città enormi, ha accresciuto su grande scala la cifra della popolazione urbana in confronto di quella rurale, strappando in tal modo una parte notevole della popolazione all'idiotismo della vita rurale. Come ha reso la campagna dipendente dalla città, la borghesia ha reso i paesi barbari e semibarbari dipendenti da quelli inciviliti, i popoli di contadini da quelli di borghesi, l'Oriente dall'Occidente.

La borghesia elimina sempre più la dispersione dei mezzi di produzione, della proprietà e della popolazione. Ha agglomerato la popolazione, ha centralizzato i mezzi di produzione, e ha concentrato in poche mani la proprietà. Ne è stata conseguenza necessaria la centralizzazione politica. Province indipendenti, legate quasi solo da vincoli federali, con interessi, leggi, governi e dazi differenti, vennero strette in una sola nazione, sotto un solo governo, una sola legge, un solo interesse nazionale di classe, entro una sola barriera doganale.

Durante il suo dominio di classe appena secolare la borghesia ha creato forze produttive in massa molto maggiore e più colossali che non avessero mai fatto tutte insieme le altre generazioni del passato. Il soggiogamento delle forze naturali, le macchine, l'applicazione della chimica all'industria e all'agricoltura, la navigazione a vapore, le ferrovie, i telegrafi elettrici, il dissodamento d'interi continenti, la navigabilità dei fiumi, popolazioni intere sorte quasi per incanto dal suolo -quale dei secoli antecedenti immaginava che nel grembo del lavoro sociale stessero sopite tali forze produttive?

Ma abbiamo visto che i mezzi di produzione e di scambio sulla cui base si era venuta costituendo la borghesia erano stati prodotti entro la società feudale. A un certo grado dello sviluppo di quei mezzi di produzione e di scambio, le condizioni nelle quali la società feudale produceva e scambiava, l'organizzazione feudale dell'agricoltura e della manifattura, in una parola i rapporti feudali della proprietà, non corrisposero più alle forze produttive ormai sviluppate. Essi inceppavano la produzione invece di promuoverla. Si trasformarono in altrettante catene. Dovevano essere spezzate e furono spezzate.

Ad esse subentrò la libera concorrenza con la confacente costituzione sociale e politica, con il dominio economico e politico della classe dei borghesi.

Sotto i nostri occhi si svolge un moto analogo. I rapporti borghesi di produzione e di scambio, i rapporti borghesi di proprietà, la società borghese moderna che ha creato per incanto mezzi di produzione e di scambio così potenti, rassomiglia al mago che non riesce più a dominare le potenze degli inferi da lui evocate. Sono decenni ormai che la storia dell'industria e del commercio è soltanto storia della rivolta delle forze produttive moderne contro i rapporti moderni della produzione, cioè contro i rapporti di proprietà che costituiscono le condizioni di esistenza della borghesia e del suo dominio. Basti ricordare le crisi commerciali che col loro periodico ritorno mettono in forse sempre più minacciosamente l'esistenza di tutta la società borghese.

Nelle crisi commerciali viene regolarmente distrutta non solo una parte dei prodotti ottenuti, ma addirittura gran parte delle forze produttive già create. Nelle crisi scoppia una epidemia sociale che in tutte le epoche precedenti sarebbe apparsa un assurdo: l'epidemia della sovraproduzione. La società si trova all'improvviso ricondotta a uno stato di momentanea barbarie; sembra che una carestia, una guerra generale di sterminio le abbiano tagliato tutti i mezzi di sussistenza; l'industria, il commercio sembrano distrutti. E perché? Perché la società possiede troppa civiltà, troppi mezzi di sussistenza, troppa industria, troppo commercio. Le forze produttive che sono a sua disposizione non servono più a promuovere la civiltà borghese e i rapporti borghesi di proprietà; anzi, sono divenute troppo potenti per quei rapporti e ne vengono ostacolate, e appena superano questo ostacolo mettono in disordine tutta la società borghese, mettono in pericolo l'esistenza della proprietà borghese. I rapporti borghesi sono divenuti troppo angusti per poter contenere la ricchezza da essi stessi prodotta. -Con quale mezzo la borghesia supera le crisi? Da un lato, con la distruzione coatta di una massa di forze produttive; dall'altro, con la conquista di nuovi mercati e con lo sfruttamento più intenso dei vecchi. Dunque, con quali mezzi? Mediante la preparazione di crisi più generali e più violente e la diminuzione dei mezzi per prevenire le crisi stesse.

A questo momento le armi che son servite alla borghesia per atterrare il feudalesimo si rivolgono contro la borghesia stessa.

Ma la borghesia non ha soltanto fabbricato le armi che la porteranno alla morte; ha anche generato gli uomini che impugneranno quelle armi: gli operai moderni, i proletari.

Nella stessa proporzione in cui si sviluppa la borghesia, cioè il capitale, si sviluppa il proletariato, la classe degli operai moderni, che vivono solo fintantoché trovano lavoro, e che trovano lavoro solo fintantoché il loro lavoro aumenta il capitale. Questi operai, che sono costretti a vendersi al minuto, sono una merce come ogni altro articolo commerciale, e sono quindi esposti, come le altre merci, a tutte le alterne vicende della concorrenza, a tutte le oscillazioni del mercato.

Con l'estendersi dell'uso delle macchine e con la divisione del lavoro, il lavoro dei proletari ha perduto ogni carattere indipendente e con ciò ogni attrattiva per l'operaio. Egli diviene un semplice accessorio della macchina, al quale si richiede soltanto un'operazione manuale semplicissima, estremamente monotona e facilissima da imparare. Quindi le spese che causa l'operaio si limitano quasi esclusivamente ai mezzi di sussistenza dei quali egli ha bisogno per il proprio mantenimento e per la riproduzione della specie. Ma il prezzo di una merce, quindi anche quello del lavoro, è uguale ai suoi costi di produzione. Quindi il salario decresce nella stessa proporzione in cui aumenta il tedio del lavoro. Anzi, nella stessa proporzione dell'aumento dell'uso delle macchine e della divisione del lavoro, aumenta anche la massa del lavoro, sia attraverso l'aumento delle ore di lavoro, sia attraverso l'aumento del lavoro che si esige in una data unità di tempo, attraverso l'accresciuta celerità delle macchine, e così via.

L'industria moderna ha trasformato la piccola officina del maestro artigiano patriarcale nella grande fabbrica del capitalista industriale. Masse di operai addensate nelle fabbriche vengono organizzate militarmente. E vengono poste, come soldati semplici dell'industria, sotto la sorveglianza di una completa gerarchia di sottufficiali e ufficiali. Gli operai non sono soltanto servi della classe dei borghesi, ma vengono asserviti giorno per giorno, ora per ora dalla macchina, dal sorvegliante, e soprattutto dal singolo borghese fabbricante in persona. Questo dispotismo è tanto più meschino, odioso ed esasperante, quanto più apertamente esso proclama come fine ultimo il guadagno.

Quanto meno il lavoro manuale esige abilità ed esplicazione di forza, cioè quanto più si sviluppa l'industria moderna, tanto più il lavoro degli uomini viene soppiantato da quello delle donne [e dei fanciulli]. Per la classe operaia non han più valore sociale le differenze di sesso e di età. Ormai ci sono soltanto strumenti di lavoro che costano più o meno a seconda dell'età e del sesso.

Quando lo sfruttamento dell'operaio da parte del padrone di fabbrica è terminato in quanto all'operaio viene pagato il suo salario in contanti, si gettano su di lui le altre parti della borghesia, il padron di casa, il bottegaio, il prestatore su pegno e così via.

Quelli che fino a questo momento erano i piccoli ordini medi, cioè i piccoli industriali, i piccoli commercianti e coloro che vivevano di piccole rendite, gli artigiani e i contadini, tutte queste classi precipitano nel proletariato, in parte per il fatto che il loro piccolo capitale non è sufficiente per l'esercizio della grande industria e soccombe nella concorrenza con i capitalisti più forti, in parte per il fatto che la loro abilità viene svalutata da nuovi sistemi di produzione. Così il proletariato si recluta in tutte le classi della popolazione.

Il proletariato passa attraverso vari gradi di sviluppo. La sua lotta contro la borghesia comincia con la sua esistenza.

Da principio singoli operai, poi gli operai di una fabbrica, poi gli operai di una branca di lavoro in un dato luogo lottano contro il singolo borghese che li sfrutta direttamente.

Essi non dirigono i loro attacchi soltanto contro i rapporti borghesi di produzione, ma contro gli stessi strumenti di produzione; distruggono le merci straniere che fan loro concorrenza, fracassano le macchine, danno fuoco alle fabbriche, cercano di riconquistarsi la tramontata posizione del lavoratore medievale.

In questo stadio gli operai costituiscono una massa disseminata per tutto il paese e dispersa a causa della concorrenza. La solidarietà di maggiori masse operaie non è ancora il risultato della loro propria unione, ma della unione della borghesia, la quale, per il raggiungimento dei propri fini politici, deve mettere in movimento tutto il proletariato, e per il momento può ancora farlo. Dunque, in questo stadio i proletari combattono non i propri nemici, ma i nemici dei propri nemici, gli avanzi della monarchia assoluta, i proprietari fondiari, i borghesi non industriali, i piccoli borghesi. Così tutto il movimento della storia è concentrato nelle mani della borghesia; ogni vittoria raggiunta in questo modo è una vittoria della borghesia.

Ma il proletariato, con lo sviluppo dell'industria, non solo si moltiplica; viene addensato in masse più grandi, la sua forza cresce, ed esso la sente di più. Gli interessi, le condizioni di esistenza all'interno del proletariato si vanno sempre più agguagliando man mano che le macchine cancellano le differenze del lavoro e fanno discendere quasi dappertutto il salario a un livello ugualmente basso. La crescente concorrenza dei borghesi fra di loro e le crisi commerciali che ne derivano rendono sempre più oscillante il salario degli operai; l'incessante e sempre più rapido sviluppo del perfezionamento delle macchine rende sempre più incerto il complesso della loro esistenza; le collisioni fra il singolo operaio e il singolo borghese assumono sempre più il carattere di collisioni di due classi. Gli operai cominciano col formare coalizioni contro i borghesi, e si riuniscono per difendere il loro salario. Fondano perfino associazioni permanenti per approvvigionarsi in vista di quegli eventuali sollevamenti. Qua e là la lotta prorompe in sommosse.

Ogni tanto vincono gli operai; ma solo transitoriamente. Il vero e proprio risultato delle lotte non è il successo immediato, ma il fatto che l'unione degli operai si estende sempre più. Essa è favorita dall'aumento dei mezzi di comunicazione, prodotti dalla grande industria, che mettono in collegamento gli operai delle diverse località. E basta questo collegamento per centralizzare in una lotta nazionale, in una lotta di classe, le molte lotte locali che hanno dappertutto uguale carattere. Ma ogni lotta di classi è lotta politica. E quella unione per la quale i cittadini del medioevo con le loro strade vicinali ebbero bisogno di secoli, i proletari moderni con le ferrovie la attuano in pochi anni.

Questa organizzazione dei proletari in classe e quindi in partito politico torna ad essere spezzata ogni momento dalla concorrenza fra gli operai stessi. Ma risorge sempre di nuovo, più forte, più salda, più potente. Essa impone il riconoscimento in forma di legge di singoli interessi degli operai, approfittando delle scissioni all'interno della borghesia. Così fu per la legge delle dieci ore di lavoro in Inghilterra.

In genere, i conflitti insiti nella vecchia società promuovono in molte maniere il processo evolutivo del proletariato. La borghesia è sempre in lotta; da principio contro l'aristocrazia, più tardi contro le parti della stessa borghesia i cui interessi vengono a contrasto con il progresso dell'industria, e sempre contro la borghesia di tutti i paesi stranieri. In tutte queste lotte essa si vede costretta a fare appello al proletariato, a valersi del suo aiuto, e a trascinarlo così entro il movimento politico. Essa stessa dunque reca al proletariato i propri elementi di educazione, cioè armi contro se stessa.

Inoltre, come abbiamo veduto, il progresso dell'industria precipita nel proletariato intere sezioni della classe dominante, o per lo meno ne minaccia le condizioni di esistenza. Anch'esse arrecano al proletariato una massa di elementi di educazione.

Infine, in tempi nei quali la lotta delle classi si avvicina al momento decisivo, il processo di disgregazione all'interno della classe dominante, di tutta la vecchia società, assume un carattere così violento, così aspro, che una piccola parte della classe dominante si distacca da essa e si unisce alla classe rivoluzionaria, alla classe che tiene in mano l'avvenire. Quindi, come prima una parte della nobiltà era passata alla borghesia, così ora una parte della borghesia passa al proletariato; e specialmente una parte degli ideologi borghesi, che sono riusciti a giungere alla intelligenza teorica del movimento storico nel suo insieme.

Fra tutte le classi che oggi stanno di contro alla borghesia, il proletariato soltanto è una classe realmente rivoluzionaria. Le altre classi decadono e tramontano con la grande industria; il proletariato è il suo prodotto più specifico.

Gli ordini medi, il piccolo industriale, il piccolo commerciante, l'artigiano, il contadino, combattono tutti la borghesia, per premunire dalla scomparsa la propria esistenza come ordini medi. Quindi non sono rivoluzionari, ma conservatori. Anzi, sono reazionari, poiché cercano di far girare all'indietro la ruota della storia. Quando sono rivoluzionari, sono tali in vista del loro imminente passaggio al proletariato, non difendono i loro interessi presenti, ma i loro interessi futuri, e abbandonano il proprio punto di vista, per mettersi da quello del proletariato.

Il sottoproletariato, questa putrefazione passiva degli infimi strati della società, che in seguito a una rivoluzione proletaria viene scagliato qua e là nel movimento, sarà più disposto, date tutte le sue condizioni di vita, a lasciarsi comprare per mene reazionarie.

Le condizioni di esistenza della vecchia società sono già annullate nelle condizioni di esistenza del proletariato. Il proletario è senza proprietà; il suo rapporto con moglie e figli non ha più nulla in comune con il rapporto familiare borghese; il lavoro industriale moderno, il soggiogamento moderno del capitale, identico in Inghilterra e in Francia, in America e in Germania, lo ha spogliato di ogni carattere nazionale. Leggi, morale, religione sono per lui altrettanti pregiudizi borghesi, dietro i quali si nascondono altrettanti interessi borghesi.

Tutte le classi che si sono finora conquistato il potere hanno cercato di garantire la posizione di vita già acquisita, assoggettando l'intera società alle condizioni della loro acquisizione. I proletari possono conquistarsi le forze produttive della società soltanto abolendo il loro proprio sistema di appropriazione avuto sino a questo momento, e per ciò stesso l'intero sistema di appropriazione che c'è stato finora. I proletari non hanno da salvaguardare nulla di proprio, hanno da distruggere tutta la sicurezza privata e tutte le assicurazioni private che ci sono state fin qui.

Tutti i movimenti precedenti sono stati movimenti di minoranze, o avvenuti nell'interesse di minoranze. Il movimento proletario è il movimento indipendente della immensa maggioranza. Il proletariato, lo strato più basso della società odierna, non può sollevarsi, non può drizzarsi, senza che salti per aria l'intera soprastruttura degli strati che formano la società ufficiale.

La lotta del proletariato contro la borghesia è in un primo tempo lotta nazionale, anche se non sostanzialmente, certo formalmente. E` naturale che il proletariato di ciascun paese debba anzitutto sbrigarsela con la propria borghesia.

Delineando le fasi più generali dello sviluppo del proletariato, abbiamo seguito la guerra civile più o meno latente all'interno della società attuale, fino al momento nel quale quella guerra erompe in aperta rivoluzione e nel quale il proletariato fonda il suo dominio attraverso il violento abbattimento della borghesia.

Ogni società si è basata finora, come abbiam visto, sul contrasto fra classi di oppressori e classi di oppressi. Ma, per poter opprimere una classe, le debbono essere assicurate condizioni entro le quali essa possa per lo meno stentare la sua vita di schiava. Il servo della gleba, lavorando nel suo stato di servo della gleba, ha potuto elevarsi a membro del comune, come il cittadino minuto, lavorando sotto il giogo dell'assolutismo feudale, ha potuto elevarsi a borghese. Ma l'operaio moderno, invece di elevarsi man mano che l'industria progredisce, scende sempre più al disotto delle condizioni della sua propria classe. L'operaio diventa un povero, e il pauperismo si sviluppa anche più rapidamente che la popolazione e la ricchezza. Da tutto ciò appare manifesto che la borghesia non è in grado di rimanere ancora più a lungo la classe dominante della società e di imporre alla società le condizioni di vita della propria classe come legge regolatrice. Non è capace di dominare, perché non è capace di garantire l'esistenza al proprio schiavo neppure entro la sua schiavitù, perché è costretta a lasciarlo sprofondare in una situazione nella quale, invece di esser da lui nutrita, essa è costretta a nutrirlo. La società non può più vivere sotto la classe borghese, vale a dire la esistenza della classe borghese non è più compatibile con la società.

La condizione più importante per l'esistenza e per il dominio della classe borghese è l'accumularsi della ricchezza nelle mani di privati, la formazione e la moltiplicazione del capitale; condizione del capitale è il lavoro salariato. Il lavoro salariato poggia esclusivamente sulla concorrenza degli operai tra di loro. Il progresso dell'industria, del quale la borghesia è veicolo involontario e passivo, fa subentrare all'isolamento degli operai risultante dalla concorrenza, la loro unione rivoluzionaria, risultante dall'associazione. Con lo sviluppo della grande industria, dunque, vien tolto di sotto ai piedi della borghesia il terreno stesso sul quale essa produce e si appropria i prodotti. Essa produce anzitutto i suoi seppellitori. Il suo tramonto e la vittoria del proletariato sono del pari inevitabili.





 
 
Next chapter